alt
alt
Milan
alt
Art at Site 	www.milanoarte.nl	Giuseppe	Maraniello	Chiaroscuro
Artist:
Title:
Year:
Adress:
Website:

Giuseppe Maraniello

Chiaroscuro

2007
Parco dell’Idroscalo
Website
www.iovo.it:
Il parco dell’Idroscalo di Segrate è una delle zone dell’hinterland milanese più rivalutate degli ultimi anni e, anche in vista dell’Expo 2015, continua la sua evoluzione, trasformandosi in un polo sportivo che ospita l’attuale sede del C.U.S. (Centro Universitario Sportivo). In questo dinamico contesto, anche l’arte fa la sua parte edal 15 settembre al 31 dicembre 2013 nella parte est dell’Idroscalo, ribattezzata per l’occasione Il Parco dell’Arte, si possono ammirare 20 sculture di artisti contemporanei, selezionate dai curatori Flavio Arensi, Lorenzo Respi e Alberto Zanchetta, nell’ottica di una rivitalizzazione culturale ed artistica del luogo, capace di creare un connubio tra natura, arte e sport.
Sia le sculture che gli artisti selezionati sembrano seguire un filo tematico di rappresentazione e interpretazione che si ricollega alle tante sfaccettature che l’Idroscalo offre.
Un omaggio alla natura viene offerto in primis da Giacomo Manzù che, con il suo Fauno di bronzo riporta alla mitologia romana, presso cui questa figura rappresentava la divinità delle campagne e dei boschi. Anche Augusto Perez con Grande centauro, Grande meridiana e Terrae motus riconduce un filo diretto con la terra e l’ambiente. Mauro Staccioli, invece, omaggia in modo diretto il parco attraverso l’opera Idroscalo, che richiama l’omonimo lago per la sua forma geometrica. Una vena di romanticismo si percepisce nella scultura Duetto di Grazia Varisco, in cui due grandi lastre rosse, combaciando tra loro, sembrano rappresentare, in chiave geometrica e minimalista, due amanti che si uniscono in un caldo abbraccio. Una passionale stretta è invece rappresentata in maniera più esplicita da Giuseppe Mariniello, in un piccolo particolare della sua grande opera Chiaroscuro.
Il parco dell’Idroscalo di Segrate è una delle zone dell’hinterland milanese più rivalutate degli ultimi anni e, anche in vista dell’Expo 2015, continua la sua evoluzione, trasformandosi in un polo sportivo che ospita l’attuale sede del C.U.S. (Centro Universitario Sportivo).
In questo dinamico contesto, anche l’arte fa la sua parte edal 15 settembre al 31 dicembre 2013 nella parte est dell’Idroscalo, ribattezzata per l’occasione Il Parco dell’Arte, si possono ammirare 20 sculture di artisti contemporanei, selezionate dai curatori Flavio Arensi, Lorenzo Respi e Alberto Zanchetta, nell’ottica di una rivitalizzazione culturale ed artistica del luogo, capace di creare un connubio tra natura, arte e sport.
Sia le sculture che gli artisti selezionati sembrano seguire un filo tematico di rappresentazione e interpretazione che si ricollega alle tante sfaccettature che l’Idroscalo offre.
Un omaggio alla natura viene offerto in primis da Giacomo Manzù che, con il suo Fauno di bronzo riporta alla mitologia romana, presso cui questa figura rappresentava la divinità delle campagne e dei boschi. Anche Augusto Perez con Grande centauro, Grande meridiana e Terrae motus riconduce un filo diretto con la terra e l’ambiente. Mauro Staccioli, invece, omaggia in modo diretto il parco attraverso l’opera Idroscalo, che richiama l’omonimo lago per la sua forma geometrica. Una vena di romanticismo si percepisce nella scultura Duetto di Grazia Varisco, in cui due grandi lastre rosse, combaciando tra loro, sembrano rappresentare, in chiave geometrica e minimalista, due amanti che si uniscono in un caldo abbraccio. Una passionale stretta è invece rappresentata in maniera più esplicita da Giuseppe Mariniello, in un piccolo particolare della sua grande opera Chiaroscuro.